Salta al contenuto

Metamorfosi

Gli altri vanno avanti e tu rimani indietro.
Gli altri vanno avanti e tu rimani indietro.
Fermo nella tua quotidianità, incapace di evadere e di realizzare i tuoi sogni.

Statico, intrappolato nella routine quotidiana che ti svuota riempiendoti di cose che non vuoi fare e che non ti fanno sentire vivo.

Maledetto a vivere ancora ed ancora gli stessi drammi, gli stessi problemi senza mai alcuna minima vittoria.

Come una ruota di un ingranaggio sei condannato a compiere lo stesso movimento in continuo, a provare le stesse emozioni, a rimanere sotto il tuo limite umano, senza riuscire mai ad andare oltre.

Cosa ti differenzia da un’automa, uomo?
Incapace di prendere in mano la tua vita e di realizzare i tuoi sogni .

Dov’è finito il fabbro che forgiava il futuro?
Dove sono finiti i sognatori, gli avventurieri ed i visionari?
Verso quale orizzonte sono andati gli argonauti, i crociati gli astronauti?
Perché non sono più tornati?
Che fine hanno fatto tutti gli eroi?
Perché non li aspettiamo? Perché non li cerchiamo? Perché non li piangiamo? Perché siamo inermi?
Come siamo arrivati a tutto questo?

L’animo nostro non brucia più e non alimenta il cor, i sogni e le gesta.
Spiritus tristis exsiccat ossa.
E le nostre giunture diventano di legno.
E i nostri muscoli di pietra.
E la pelle di marmo.
E fummo Statue.

μεταμόρϕωσις, oggi più che mai pietra…

Commenti

commenti

Published inPersonal thoughts

Sii il primo a commentare

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.